La produzione autunnale si concentra prevalentemente sulla coltivazione di Poinsettia (stella di natale) e Ciclamini.

In natura la Poinsettia è originaria del Messico e si sviluppa come grandi arbusti o piccoli alberi. Ha sottili fusti semi legnosi, di colore verde brillante, molto ramificati; il fogliame è scuro, di forma particolare. All’apice dei fusti si sviluppano in inverno grandi infiorescenze sottese dalle brattee che sono delle grandi foglie trasformate di colore rosso acceso, lisce e ampie. Nel corso dei decenni però il successo in coltivazione di questa pianta ha dato il via alle ibridazioni; così oggi possiamo avere poinsettie con brattee rosa, fucsia, gialle, bianche, striate, variegate, doppie, arricciate, arrotolate.

Il Ciclamino è di origine europea ed asiatica e conta circa venti specie di erbacee perenni. Le foglie sono tondeggianti, leggermente carnose, portate da un lungo picciolo; sono di colore verde scuro, spesso segnate da una vistosa zonatura di colore verde-argenteo. I fiori sono di colore vario, nelle tonalità del rosa e del rosso, con varietà anche a due colori. La gran parte dei ciclamini manifesta un periodo di riposo vegetativo durante l’estate, quando in natura la pianta non ha a disposizione sufficiente acqua per potersi sviluppare al meglio. Nonostante questa caratteristica sia presente in tutte le specie di ciclamini esistenti, il periodo di fioritura di ogni singola specie è abbastanza variabile: esistono ciclamini a fioritura tardo estiva o autunnale, altri che fioriscono nei mesi freddi, e altri ancora che fioriscono tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera. Allo stesso modo, le varie specie di ciclamino manifestano differenti gradi di resistenza al freddo.

Entrambe le colture vengono prodotte in vasi e ciotole di diverse dimensioni, dalle più piccole alle più grandi. In occasione di speciali ricorrenze, come Natale, Pasqua o San valentino, oltre alla normale produzione, l’importazione dall’Olanda viene incrementata.